Rss


Verso il piano triennale del turismo
Piattaforma di progettazione partecipata

7 - dicembre - 2012

esami guida ambientale escursionistica

Scritto da davide virzi | Operatori turismo - Genova

Buongiorno sono guida ambientale escursionistica, guida turistica e socio di una cooperativa attiva da anni nel campo del turismo naturalistico ed educazione ambientale.
Mi chiedo quale sia la strategia della Regione Liguria e dell’Assessorato al Turismo in particolare, per poter incentivare la fruizione di aree naturali, valorizzare aree di entroterra e nel contempo tutelare e promuovere le professioni turistiche (nel caso specifico le guide ambientali escursionistiche). Siamo una delle poche regioni in Italia dove l’abilitazione è provinciale. Per poter accompagnare un gruppo che vuol percorrere sentieri che attraversano più province (ad esempio l’Alta Via) una guida dovrebbe conseguire diverse abilitazioni, dovendo superare esami spesso molto selettivi (e siamo tutti d’accordo) ma anche molto slegati dalla reale attività professionale che poi si andrà a svolgere. Senza contare che gli esami vengono banditi ad intervalli “molto irregolari”, costringendo le agenzie, gli operatori a rinunciare alle richieste del mercato o ad utilizzare personale abusivo.
Per anni come operatore e anche come associazione (AIGAE) abbiamo stimolato la Regione ad una riflessione sul tema, ma al momento non mi sembra che la situazione sia stata presa in reale considerazione.


Un commento

  1. Redazione - -

    Scritto il 12 dicembre 2012 - 17:14

    Gentile Signor Davide,

    in merito all’argomento da lei introdotto è necessario premettere che alle Regioni non hanno possibilità di legiferare in materia di professioni turistiche sino a quando non verrà emanata da parte dello Stato una Legge quadro che metta ordine su una serie di principi di carattere generale che, in relazione all’emanazione di norme europee, necessitano di una revisione.

    Purtroppo sono passati ormai circa tre anni senza che, per un motivo o per l’altro, tale norma sia stata emanata. Per questo motivo la legge regionale 44/1999 di riferimento, nonostante necessiti urgentemente di essere attualizzata, continua a restare il riferimento in materia.

    L’ambito territoriale dell’abilitazione indubbiamente troppo ristretto, in particolare proprio in riguardo alle guide ambientali. In vero la suddetta norma prevede la possibilità di “sconfinamenti” nell’esercizio di tale professione e questo verrà interpretato nella attuale fase maniera più estensiva, in pieno accordo con le Province. Le quali Province hanno proprio recentemente ripreso le procedure di selezione per l’abilitazione all’esercizio delle professioni turistiche, dopo una lunga pausa, anch’essa causata da problemi connessi all’emanazione di norme di livello superiore. E’ già stata completata la selezione relativa alla figura della Guida turistica e si conta che prossimamente verranno approntate le prove relative alle altre figure.

Commenta

I campi con (*) sono obbligatori.